cyber criminali coronavirus - ilmondoinformatico
Vita Digitale

Le 6 cyber-truffe di coronavirus più popolari su Internet

Che i criminali informatici stiano sfruttando a fondo il coronavirus online non è una novità. Da quando il virus è arrivato in Italia, il numero di attacchi a utenti, aziende e persino ospedali è aumentato grazie all’interesse che Covid-19 genera nella società. I criminali informatici usano la psicologia per lanciare attacchi.

Tentano di trarre vantaggio da qualsiasi evento che induca l’interesse della società a dirigere le proprie azioni. In questo momento, tutti sono molto consapevoli della situazione in cui si trova la crisi del coronavirus, quindi non è raro che i criminali informatici la sfruttino. Le opzioni offerte dalla pandemia, quando si infettano i dispositivi, sono ampie.

Usando il social engineering, ad esempio, possono bloccare un intero ospedale per chiedere in seguito un riscatto o rendere pubblica una società.

Tra gli strumenti utilizzati dagli aggressori per trarre vantaggio dalla pandemia, spiccano le cyber truffe. Tramite social network, e-mail o servizi di messaggistica come WhatsApp. Con l’obiettivo di sensibilizzare gli utenti sui rischi connessi, ho individuato i dieci tipi di truffa più utilizzata dai criminali in relazione al coronavirus.

I “Suggerimenti” del Coronavirus

Nel corso delle ultime settimane, il numero di domini Internet correlati al coronavirus è aumentato notevolmente. Questi forniscono (presunte) informazioni sulla malattia. Dai consigli per combatterlo ai rimedi casalinghi. Stai molto attento a questi tipi di siti web, poiché non solo cercano di disinformare la popolazione, alcuni hanno collegamenti ipertestuali dannosi che possono infettare il dispositivo in questione con «malware» (virus informatico).

Sono un operatore sanitario, aiutami

Questo tipo di truffa è stato particolarmente ricorrente sin dall’inizio dell’isolamento a cui è sottoposto il paese. È possibile che, nelle ultime due settimane, tu abbia ricevuto via WhatsApp un audio in cui una persona che non conosci richiede una collaborazione di qualche tipo per aiutare gli operatori sanitari.

In molti di questi casi ci chiederanno di inserire alcune informazioni personali o addirittura di effettuare una donazione finanziaria. È un modo per raccogliere informazioni personali da un gran numero di utenti contemporaneamente. Naturalmente non tutte le iniziative di solidarietà su Internet sono frodi, ma è importante essere cauti e cercare l’origine del messaggio, il fatto che una persona dica di essere un medico nei social network non implica necessariamente che lo sia.

Attenzione anche a cyber truffe via SMS

Ci sono casi in cui le truffe informatiche vengono fatte tramite servizi di messaggistica, come WhatsApp o SMS. In queste settimane ci sono stati casi in cui gli aggressori si sono presentati come istituzioni come il Ministero del Lavoro ed hanno condiviso un collegamento in cui hanno richiesto una serie di dati personali. La scusa che hanno dato è stata la raccolta di dati per elaborare le richieste di prelievo temporaneo per l’infezione da coronavirus. Fate molta attenzione, poiché la sua natura urgente può confonderci e farci cadere in una trappola.

Vendita di materiale sanitario

Con l’arrivo del Covid-19 in Italia, i prezzi delle maschere sono aumentati a dismisura. E i criminali informatici questo lo sanno. Sono state identificate diverse truffe legate principalmente alle vendite online di questo prodotto. “Ad esempio, il venditore afferma di avere maschere appositamente preparate per proteggerci dal virus, ma le vittime, dopo aver effettuato l’acquisto, non ricevono ciò che hanno acquistato o, in mancanza, solo una parte di esso o in condizioni molto diverse da quelli annunciati ”.

Coronavirus sotto forma di “ransomware”

I virus di tipo ransomware dirottano i dispositivi e quindi richiedono un riscatto finanziario alla vittima. In particolare, il cosiddetto “Coronavirus“. Chi non aprirebbe un file video o un documento che includa istruzioni e avvisi su come proteggerci da COVID-19?

Bene, ecco la trappola, perché non dovremmo fidarci di tutto ciò che riceviamo, poiché i file allegati possono contenere malware che finisce per infettarci e prendere il controllo dei nostri computer.

I Corona Cheques

Molti utenti stanno ricevendo attraverso le applicazioni di messaggistica un testo in cui sembra che il Governo stia dando ai cittadini una somma di denaro per far fronte alla crisi. Però, per ricevere questo aiuto, è necessario fare clic su un collegamento in cui potrebbe esserci un virus informatico.

Prima di fare clic su qualsiasi collegamento, è buona norma confermare se la fonte è affidabile, possiamo verificarla attraverso i suoi canali di comunicazione ufficiali, sui social network o sui siti Web ufficiali dei diversi ministeri.

Redazione
La redazione de portale web ilmondoinformatico.com è composta da diversi copywriter che scrivono per il portale stesso. Sono tutti specializzati nelle varie tecnologie trattate nel Sito web. Se vuoi far parte della redazione invia il tuo CV a insidewebcomunication@gmail.com
https://www.ilmondoinformatico.com