applicazione per i più giovani - tik tok - il mondo informatico
Telefonia

TikTok : Il mondo adolescenziale in video e gratis

Un social network per pubblicare e modificare brevi video è l’applicazione dell’anno ed interessa i più giovani in maniera massiva, questo è TikTok, ma la sua origine cinese solleva problemi di sicurezza.

Non stiamo parlando della televisione, neppure di  Facebook o Instagram, ma lo strumento di comunicazione e intrattenimento in più rapida crescita al mondo si chiama TikTok ed ha inventato in un anno qualcosa che sembrava impossibile: un altro social network.

In questo caso non si parla con messaggi ingegnosi di 280 caratteri, o collegamenti, o foto sorprendentemente perfette. La lingua che propone è quella dei colleghi che ridono del video. Un video da 3 a 15 secondi, con musica ed effetti, rilasciato al mondo per telefono, è la lingua che decine di milioni di giovani negli Stati Uniti stanno utilizzando. Questa volta, però, l’idea non è venuta da Silicon Valley, ma dalla Cina.

La verità è che TikTok è ipnotico

Nel contenuto di TikTok c’è il desiderio di creare e di mostrare qualcosa che non esiste in altri social network in cui gli utenti inviano commenti o semplicemente documentano la propria vita. Con TikTok è pubblicato per far ridere, ballare, provocare o stupire. Il video dà credibilità alla postura che le foto di Instagram non offrono.

applicazione per i più giovani - tik tok - il mondo informatico
applicazione per i più giovani – tiktok

Lo scorrimento dei video produce un livello di dipendenza come i primi anni di Facebook. Secondo i dati dell’azienda in Italia, gli utenti trascorrono in media 45 minuti a guardare video di pochi secondi. A differenza di Facebook, TikTok è pieno di energia.

Si può iniziare la “dipendenza” da TikTok in molti modi. Seguire un utente specifico, una colonna sonora, un tema o semplicemente essere guidati dall’algoritmo e dirgli di volta in volta ciò che ci piace.

Alla ricerca di tendenze, un giorno questa settimana ci sono stati 4.000 milioni di video con il tag #TheReplay, dove puoi vederne uno dietro un altro con le caratteristiche sportive di pochi secondi; 23 milioni di video etichettati #meetmycar, sulle automobili; 2.200 milioni di video di #RealDropDance, che sono balli improvvisati nei supermercati; 711 milioni di video etichettati #streamingwars, dove le persone ridono del numero di piattaforme video digitali emerse. C’è uno di uno @e_sand in cui Disney + sorprende Netflix e Hulu. Musica di Mahogany LOX (Take your man).

TikTok è stato scaricato su 130 milioni di telefoni cellulari nel 2017, secondo i dati della società di consulenza californiana Mediakix. L’anno scorso è stato scaricato in 660 milioni di dispositivi. Era l’applicazione più popolare nello store Apple e la quarta nello store Google.

Questa settimana, il sito web di analisi dell’applicazione Sensor Tower ha affermato che TikTok ha superato 1,5 miliardi di download nel 2019.

Il numero di persone che lo usano effettivamente è stimato in 500 milioni. A parte i videogiochi, è la terza applicazione più scaricata dopo WhatsApp e Messenger e la prima nei social network prima di Facebook e Instagram.

La crescita è principalmente spiegata dalla sua esplosione in India, dove sono presenti il ​​31% dei suoi utenti. In Cina è dell’11,5% (sotto un altro nome) e negli Stati Uniti dell’8,2%.

L’applicazione è stata sviluppata dalla società cinese ByteDance ed è la prima di quel paese a diventare globale. La società ha iniziato lanciando Douyin, sostanzialmente lo stesso concetto ma adattato agli standard cinesi.

La sua grande esplosione è arrivata dall’acquisto di Musical.ly nel 2017. In quell’applicazione, adolescenti degli Stati Uniti hanno giocato per condividere video divertenti suonando la loro musica preferita. Era l’embrione di ciò che TikTok è oggi.

Naturalmente, una finestra come questa nel mondo dell’adolescenza cominciò presto a mostrare un lato non così divertente.

Nel 2018, TikTok ha annunciato che avrebbe rafforzato la moderazione del suo contenuto, del controllo parentale e della privacy, dopo aver sostenuto che l’applicazione veniva utilizzata per molestare i giovani e che i giovani, a loro volta, non stavano tagliando al momento della esporre contenuti espliciti sulla piattaforma.

L’intelligenza artificiale dell’algoritmo sembra aver pulito la piattaforma nel 2019, almeno in superficie.

Pier Gubitosa
Consulente SEO di professione e Webmaster Freelance per passione. Ho iniziato a lavorare con i computer dal 1986 con il mio primo commodore 64. Ho visto nascere Google e seguo le sue evoluzioni da decenni.
http://www.gubitosapierfranco.it